Utilizzo di apt-get

 

Advanced Packaging Tool, conosciuto con l’acronimo APT, è il gestore standard di pacchetti software della distribuzione Debian. Un gestore di pacchetti viene utilizzato per installare, aggiornare, verificare e rimuovere software del sistema operativo in maniera intuitiva e aiuta a risolvere le dipendenze tra i pacchetti. APT ha la particolarità di sfruttare contemporaneamente diverse sorgenti di pacchetti (sorgenti remote FTP e HTTP, cdrom, DVD e hard disk), di gestire autonomamente diverse distribuzioni di pacchetti e di permettere velocemente l’aggiornamento del sistema operativo ad una particolare distribuzione

Aggiornamento del sistema

Quello che segue è un breve elenco di comandi utili all’aggiornamento dei pacchetti installati nel sistema tramite apt-get.

  • apt-get update : Aggiorna la lista dei pacchetti disponibili dai repository. Va lanciato dopo aver apportato delle modifiche a /etc/apt/sources.list o /etc/apt/preferences. Da eseguire periodicamente per essere sicuri che la propria lista dei pacchetti sia sempre aggiornata.
  • apt-get upgrade : Scarica e installa gli aggiornamenti per tutti i pacchetti installati
  • apt-get dist-upgrade : Aggiorna l’intero sistema ad una nuova versione. Delega APT a svolgere tutti i compiti necessari all’aggiornamento dell’intera distribuzione, anche l’eventuale cancellazione di pacchetti.

Ogni volta che viene effettuata una modifica al file /etc/sources.list è necessario aggiornare la lista dei pacchetti disponibili con il seguente comando:

sudo apt-get update

Installazione e rimozione pacchetti

Per quanto riguarda l’installazione e la rimozione dei pacchetti dal sistema, di seguito vengono elencate i comandi più comuni:

  • apt-get install packagename : Installa un nuovo pacchetto.
  • apt-get remove packagename : Rimuove un pacchetto.
  • apt-get --purge remove packagename : Rimuove un pacchetto, compresi tutti i file di configurazione.
  • apt-get autoremove packagename : Rimuove un pacchetto e tutte le dipendendenze inutilizzate.
  • apt-get -f install : Tenta di di riparare i pacchetti con delle dipendenze non soddisfatte.

Pulizia della cache

Dopo aver scaricato ed installato nel sistema un pacchetto, apt-get ne mantiene una copia (in formato *.deb) all’interno della propria cache, localizzabile in /var/cache/apt/archives/. L’applicazione memorizza nella cache i file .deb di tutti i pacchetti, sia di quelli tuttora installati che di quelli in seguito rimossi. Con il passare del tempo, questa sorta di archivio di sicurezza può assumere dimensioni irragionevoli. Di seguito sono elencati alcuni comandi utili alla pulizia della cache.

  • apt-get autoclean : Eseguito periodicamente, cancella tutti gli archivi .deb dei pacchetti che non sono più installati nel sistema. È utile per liberare spazio su disco.
  • apt-get clean :È molto più radicale, poiché rimuove dalla cache di apt ogni file .deb, anche quelli relativi ai pacchetti correntemente installati. Generalmente, una volta installato un pacchetto, non si necessiterà più del dei file .deb, quindi potrebbe essere una buona soluzione per risolvere problemi di spazio.

Altre operazioni

In questa sezione vengono elencati alcuni comandi utili alla ricerca dei pacchetti all’interno del database e alle informazioni riguardanti il contenuto di essi:

  • apt-cache search string : Cerca una stringa nella lista dei pacchetti conosciuti.
  • apt-cache showpkg pkgs : Mostra alcune informazioni riguardo ai pacchetti.
  • apt-cache dumpavail : Stampa una lista di tutti i pacchetti disponibili.
  • apt-cache show pkgs: Visualizza tutte le informazioni riguardo un pacchetto, similmente a dpkg –print-avail
  • apt-cache depends pkgs : Visualizza le dipendenze e i conflitti dei pacchetti selezionati.
  • apt-cache policy pkgs : Nel caso siano disponibili numerose versioni dei pacchetti selezionati visualizza la versione attualmente installata e il repository di origine.
  • apt-cache pkgnames : Lista veloce di ogni pacchetto del sistema.
  • apt-file search filename : Cerca un pacchetto (anche non installato) che contenga i file individuati dalla stringa. Apt-file è un pacchetto indipendente, e deve essere installato tramite il comando sopra citato. Una volta installato, è utile aggiornare il database dei pacchetti con il comando apt-file update. Se apt-file search filename mostra troppe informazioni, si può provare con il comando apt-file search filename | grep -w filename (che mostra solo i file che contengono suddetta parola) o una variante come apt-file search filename | grep /bin/ che mostra solo i file localizzati nelle directory come /bin o /usr/bin, utile nel caso che l’obiettivo della ricerca sia un particolare eseguibile.

Altri comandi diversi da APT

Di seguito sono elencati alcuni comandi, diversi da quelli già discussi di Apt, ma di una certa utilità:

  • aptitude {update | upgrade}
    aptitude {install | remove} <pacchetto> : Visualizzatore di tutti i pacchetti installati o disponibili. Aptitude può essere usato da linea di comando nello stesso modo di apt-get, ma solo per alcuni comandi, i più usati sono install e remove. Poichè tiene traccia di molte più informazioni di apt-get, aptitude ha, in certe situazioni, un maggiore grado di affidabilità.
  • dpkg -l package-name-pattern : Lista dei pacchetti individuati dalla stringa di ricerca.
  • dpkg -S file : Dato un file, mostra il pacchetto che ha provveduto alla sua installazione nel sistema.
  • dpkg -L package : Lista dei file presenti nel pacchetto.

Esempio installazione

In questo esempio viene mostrato come cercare ed installare il pacchetto deskbar con apt-get:

esempio

Fonte:Wiki-Ubuntu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

:-) 
:-( 
;-) 
:good: 
:negative: 
:scratch: 
:wacko: 
:yahoo: 
B-) 
:heart: 
:dash: 
:whistle: 
:yes: 
:unsure: 
:cry: 
:mail: